Aperitivo Letterario: Per lo splendore del fuoco

Fuoco, Agni, Puros. il peccato originale. ma poi gli dei col fuoco che ci  fanno?”

Questo il fil rouge dell’ Aperitivo Letterario di giovedì 24 Settembre a partire dalle 19.00 con il quale Villa Pirandello da il là ad una stagione di eventi quanto mai ricca

Gli amici di Fabrica trasformeranno il nostro giardino in un palcoscenico aperto, in cui arte, letteratura canto e poesia saranno protagonisti assoluti.

Ad accompagnare la serata l’Aperitivo a bffet e la selezione di vini del Cafè Pirandello.

Costo ingresso 15€ con aperitivo e drink 😉

Sapevano che quel mistero, quando lo si possiede, diventa tutto, diventa il principio di ogni cosa, luce, ombra, scuro, chiaro, amore e mancanza di esso. Diventa archetipo di ogni forma di vita, e vita stessa. E per questo misero un limite alla nostra esistenza: perché eravamo capaci di infinito.”
Il peccato originale dell’uomo, nella tradizione antica, era quello di aver rubato agli dei l’elemento base per la vita: il fuoco. Esso serviva all’uomo per uscire dalla condizione di
animale e cominciare a gestire la realtà per le proprie necessità: mangiare, riscaldarsi, illuminare. Dominare la notte, la natura erano però caratteristiche del dio e non  dell’uomo, e per questo l’uomo fu punito. In ogni cultura (Agni indo europeo, Estia-Vesta greco-romana),  il fuoco è venerato, protetto, celebrato. In ogni festa si brucia qualcosa dalle candele, ai feticci, alla legna nel focolare. Ovunque il rito è costituito dal fuoco. Esso è alla base della civiltà, di ogni civiltà. Da qui parte la nostra ricerca letteraria e musicale che ci porterà da Sofocle a Borges, da Marvin Gaye a Bruno Martino passando per qualche inedito, mentre voltiamo le spalle alla bella stagione e guardiamo verso il dolce e malinconico autunno.

con Elisa Lombardi, Gennaro Iaccarino, Marco Paparella;

direzione musicale Emiliano Begni, voce e incanto:

Raffaella Misiti, Gina Fabiani

 

CONTATTACI