francoforte foto
VIAGGIANDO: FRANCOFORTE REGALA EMOZIONI

Se non ti piace dove sei, cambia, non sei un albero; le radici sono importanti ma noi umani abbiamo le gambe che son fatte per andare altrove. Per il mio venticinquesimo compleanno feci le valigie e partii per Francoforte e, poiché ” le città sono come le persone, esse mostrano le loro diverse personalità ai viaggiatori” (Roman Payne), correvo il rischio di scoprire un amore o un’antipatia . Ma io mi innamorai di Francoforte: in quella città, dall’atmosfera magica, ritrovai me stessa poiché quella realtà, sebbene nuova, mi sembrava così familiare. Essere lontana chilometri da casa ma sentirmi comunque a casa era una sensazione insolita, curiosa tuttavia rassicurante e piacevole. Di proposito non avevo studiato un itinerario, non avevo un programma da seguire, così tutto sarebbe apparso ai miei occhi una sorprendente novità. Persino l’aeroporto mi sembrò una magnifica scoperta: luci colorate e grandi alberi di natale ovunque! Erano le 23.30 quando salì sul pullman che mi avrebbe portato nel cuore della città ed io ignoravo che quel breve viaggio si sarebbe trasformato in una bizzarra disavventura. Una volante della polizia fa cenno all’autobus in corsa di fermarsi, una normalissima prassi, peccato fossimo in soprannumero! Io ero seduta accanto all’autista che, non avendo rispettato le norme di sicurezza, “meritò” una multa salata malgrado avesse tentato di dissuadere il poliziotto. Ma si sa, i tedeschi sono

rigidi e intransigenti quindi io e le mie amiche fummo costrette a lasciare quell’autobus per aspettarne un altro: ne arrivò uno più piccolo, da sette posti e, guarda caso, noi eravamo in sette. L’odissea si era trasformata in una divertente e fortunata avventura. Desideravo volare a Francoforte già da tempo e una volta arrivata mi persi per le strade addobbate per le feste natalizie ed io, come una bambina, mi guardavo attorno con stupore: luci colorate, gli odori dei cibi tipici, tutto era perfetto, tutto era come avevo immaginato. In quel piccolo labirinto di strade incontrai personaggi stravaganti: un signore portava al guinzaglio un pony, un gruppo di persone vestite a festa improvvisavano un coro natalizio e simpatici fornai preparavano gustosi pretzel. Passeggiando ho ammirato le bellezze della città tedesca sita sul Meno, al centro della Germania, fotografando anche i più piccoli ma meravigliosi dettagli; ho scoperto panorami ineguagliabili che raccontano quasi con poesia la storia di quella realtà divisa tra il centro storico, antico e fiabesco e i grattacieli e gli edifici più moderni. Confrontarsi con usanze e abitudini diverse dalle nostre è sempre stimolante, la curiosità ti spinge a cercare e scoprire il nuovo, a comprendere gli altri e se stessi. Francoforte è un libro fatto di immagini e racconti, un palcoscenico di forte eccitazione, un viaggio interiore meraviglioso che regala emozioni e spinge a scoprire un altro continente di sé.