garbatella
RACCONTANDO ROMA: RIONE GARBATELLA

Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi” e questa volta ho voluto percorrere i lunghi e magnifici corridoi del quartiere Garbatella.

La storia narra che il rione fu fondato negli anni venti sui colli che dominano la basilica Papale di San Paolo fuori le mura e che gran parte delle strade e delle piazze portano il nome di persone del mondo navale. Garbatella nasce nel 1918 come borgata e sebbene oggi sia molto ambita è stata a lungo sottovalutata. Voglio raccontare alcuni miei momenti in quella zona di Roma: abito poco distante da questo luogo assai caratteristico e spesso esco per passeggiare in tranquillità e scoprire angoli nascosti, certi vicoli o case pittoresche.

Attraversando a piedi il rione ho avuto modo di scorgere edifici e centri culturalmente rilevanti come il Teatro Ambra e il Teatro Palladium oltre a tanti scorci dalla bellezza ineguagliabile e inimitabile. A colpire la mia attenzione la particolare e forse unica combinazione di stili: l’aspetto popolare e rurale che il rione ha mantenuto si mescola bene con tratti tipici del barocco romano tanto da rendere quel labirinto di strade tanto singolare e affascinante. Mi piace trascorrere i pomeriggi a Garbatella, mi piace scattare foto per catturare dettagli sempre nuovi e sorprendenti. Mi capita spesso, o forse sempre, di perdermi per i vialetti: sembrano tutti così simili, così colorati, armoniosi. Sorprendente è il riscatto che la zona ha meritato negli anni: Garbatella è uno dei quartieri più di tendenza, più a misura d’uomo, un quartiere dalle mille sorprese! A mio parere un rifugio tranquillo, un angolo di Roma romantico e fiabesco.