Categories
Raccontando Roma: una domenica al MAXXI

Lo avevamo visto solo da fuori, l’edificio gigante ed imponente dell’architetto anglo-irachena Zaha Hadid. Il primo impatto, come spesso accade era stato fuorviante. “Tanto cemento per nulla”, avevo detto. Mi sembrava impossibile “umanizzare” quelle dimensioni spropositate, quella grandezza grigia e così tanto diversa dal pittoresco al quale Roma ci abitua da secoli. Non riuscivo in sostanza a capirne il valore sociale, ma fortunatamente il pregiudizio non mi ha impedito di tornarci una seconda volta. Il secondo nuovo impatto non è stato del tutto positivo. Ancora una volta mi sembrava un qualcosa di sporpositato e difficilmente “vivibile”. Ma già l’entrata, con il giardino invaso da bambini in monopattino e biciclette ha cambiato la mia prospettiva. Un’aria festante da domenica pomeriggio riempiva d’impeto gli spazi, che iniziavano a sembrare molto più colorati e “sociali” L’ingresso, ha definitivamente abbattuto il fardello di pericolosa supponenza che mi portavo dietro. “Bello”. Ho iniziato a riperterlo come fosse un mantra, mentre dimenticavo di essere in un preciso luogo dentro un certo spazio, nella Città Eterna, al centro della penisola italiana. La grandezza sublime dei materiali, si spazi ariosi e perfettamente studiati, gli allestimenti puntuali e critici, hanno il pregio di catapultarti in una dimesione MAXXI, ingrandita […]

Comments: 0
Impressionisti e Moderni, la mostra a Palazzo delle Esposizioni

  Oltre i confini temporali e spaziali della loro origine storia e geografica, le opere esposte in 6 curatissime sale a Palazzo delle Esposizioni ci accompagnano in un giro del mondo sorprendente. Francia, Italia, Spagna, Usa, Inghilterra, Germania ( e molto altro), sono rappresentate dai capolavori di artisti esplosivi, visionari, geniali che solcano i secoli, innovando e sconvolgendo i principi della rappresentazione pittorica. Dal classicismo al surrealismo astratto, le migliori opere dei diversi periodi artistici, testimoniano  la grandezza di Duncan Phillips, fondatore del primo museo americano di Arte di Moderna, che nel 1921, voleva fondare  “un museo intimo e raccolto, ma anche sede di sperimentazioni” in cui presentare l’arte contemporanea accanto a capolavori più noti. Cosi’, nell’imminenza del centenario dalla sua fondazione, il museo ha organizzato un’importante mostra itinerante nel corso della quale il pubblico romano avrà per la prima volta l’occasione di ammirare una parte della sua ricca collezione. Questa straordinaria mostra dedicata alla pittura europea e americana è organizzata cronologicamente, riflettendo in forma di macro-sezioni le grandi correnti culturali che hanno attraversato l’Ottocento e il Novecento fino al secondo dopoguerra. Si esordisce con le opere dei grandi artisti che all’inizio del XIX secolo hanno rivoluzionato la pittura europea da Goya a Ingres, da Delacroix a Courbet e […]

Comments: 0
Raccontando Roma: Tivoli, la città delle 3 Meraviglie

 Tre meraviglie sospese nel tempo, fiore all’ occhiello e vanto di Tivoli, città che le ospita e le ama: Villa Adriana, Villa D’Este e Villa Gregoriana, sono molto più di una gita fuori porta; rappresentano un piccolo viaggio nei secoli e nella storia millenaria del nostro Paese; dagli antichi Romani, attraverso il Rinascimento, per approdare al 1800. A 20 km di distanza da Roma, nel cuore della Valle dell’Aniene inizia un itinerario che per essere completato richiede almeno 2 intere giornate. Si può naturalmente optare per la scelta di una sola Villa e rientrare in serata nella Capitale, ma se si ha tempo e curiosità il nostro consiglio è di dedicare tutto il tempo necessario a questo piccolo viaggio nel viaggio! Itinerario per 2 giorni  1° giorno: Se partite da Roma, sveglia all’alba e…partenza!Di corsa a Villa Adriana, in cui passare almeno tutta la mattinata. La stanchezza si farà sentire, ma dopo un buonissimo pezzo di pizza della “Pergola” (uscendo dalla Villa, risalite la strada principale e la trovate all’angolo di fronte), fate il carico di energia e correte a Tivoli dopo aver scelto il giusto orario per recarvi alla fermata della CAT (risalite la strada, superate i giardini pubblici […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: DA VILLA BORGHESE A VILLA ADA

Perché la bellezza di Roma si può toccare, vivere, respirare. Roma è la Città Eterna, quella del Colosseo e dei Fori, rovine di una civiltà passata; Roma è la città dei vicoli e scorci straordinari; Roma è anche la città del rassicurante verde di parchi e giardini. Spesso frequento Villa Borghese soprattutto in occasione di mostre essendo il parco sede della Galleria Borghese, autentico forziere di tesori artistici. La meravigliosa villa ospita anche lo zoo di Roma trasformato in Bioparco e la Casa del Cinema. Tutte le volte che posso, sola o in compagnia, mi precipito nel verde, nella natura. Il parco più ricco di Roma per quanto riguarda l’aspetto faunistico e ambientale è Villa Ada: cipressi, pini, palme ma anche una pista di pattinaggio e percorsi ginnici. Qualche mese fa ho organizzato un pic-nic con miei amici proprio a Villa Ada che è il secondo più grande parco di Roma. Armati di cibo, una palla e soprattutto allegria e buon umore, abbiamo trascorso una splendida giornata all’insegna del divertimento e della spensieratezza. Durante l’estate il parco ospita spettacoli musicali e altre bellissime manifestazioni. Vivo a Roma da diversi mesi e ne sono perdutamente innamorata: adoro ogni angolo della capitale, […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: OSTIA

Ostium, che tradotto dal latino significa foce, rappresentava l’ingresso del Tevere e gli abitanti della cittadella avevano il compito di controllare le saline. Nel corso degli anni sono state praticate opere di bonifica e risanamento delle paludi per evitare gravi conseguenze per l’uomo e l’agricoltura. La storia di Ostia è ricca di avvenimenti e interventi da parte di personaggi importanti che hanno contribuito alla nascita di Ostia come città marittima ma anche città giardino con aiuole e viali alberati. Con il re Vittorio Emanuele III viene ripreso il progetto che prevedeva la nascita di una ferrovia che collegava Roma al mare. Una significativa caratteristica, ancora oggi simbolo di Ostia, sono i pontili sul mare, con funzione balneare e commerciale. Durante la mia prima calda estate a Roma sono stata ad Ostia che nel corso degli anni ha assunto sempre più l’aspetto di centro balneare di sicuro richiamo. Per i romani infatti il Lido di Ostia è un luogo di grande importanza che, a partire dagli anni duemila, è diventato oltretutto una località turistica dove si estendono numerose spiagge con dune e flora. Soprattutto in epoca fascista architetti e progettisti hanno dedicato particolare interesse alla realizzazione di caratteristiche abitazioni, moderni edifici pubblici […]

Comments: 0
Raccontando Roma: Il Pantheon, la sfera perfetta

(Stendhal, Passeggiate romane) Ecco la nostra sfera perfetta, la sfera che rappresenta il globo terrestre e quello celeste, la sfera che accoglie i semi del fuoco eterno come racconta Adriano nelle sue memorie! Il Pantheon è un grande esempio di architettura romana e di armonia classica. Fatto erigere tra il 27 e il 25 a.C. dal console Agrippa, in epoca augustea, l’edificio attuale è opera di successive e imponenti ristrutturazioni. Dobbiamo la forma attuale all’ imperatore Adriano , sotto il cui regno l’impero di Roma raggiunse il massimo splendore. Lo sapevate che il Pantheon è stato definito il “tempio solare”? Tale nome è dovuto ai vari fenomeni astrologici che si possono osservare dalla cupola, nel solstizio d’estate, ad esempio, a mezzogiorno, un raggio di sole penetra dall’oculo all’interno colpendo il portale d’accesso.   Curiosità: Tante leggende ruotano attorno a questo straordinario tempio. La più famosa quella dell’impermeabilità della cupola nonostante un foro dal diametro di 43,44 m. La pioggia dunque non dovrebbe entrare nel tempio. Se vi trovate nei pressi del Pantheon in un lirico giorno di pioggia, entrate e verificate da soli quanto sia vera o meno questa leggenda. Il consiglio di Villa Pirandello: Leggete il capolavoro di Marguerite Yourcenar: Memorie […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: VIAGGIO SUL TEVERE

Come molti corsi d’acqua, secondo gli antichi, anche nel Tevere risiedeva un dio e i pescatori celebravano feste in suo onore. Nel corso del tempo fu necessario costruire dei ponti per poterlo attraversare: i primi furono realizzati in legno per necessità militari; in seguito  in muratura. Il fiume era fonte preziosa non soltanto perché l’acqua era potabile ma anche perché ricca di pesci. Numerose sono le leggende in merito all’origine dell’isola Tiberina, alcune davvero millenarie sebbene la più remota sia quella legata al culto di Esculapio. L’antica isola è lunga 300 metri e larga 90 metri, collegata alle sponde del Tevere e ha la forma di una nave. Sull’ isola, che è l’unica isola urbana, troviamo anche un ospedale nato nel 1584 e tutt’ora attivo. Il Tevere attraversa la città eterna regalando scorci di paesaggi incantevoli, colmi di magia: è praticamente l’anima della città! Passeggiando sui ponti che collegano una riva all’altra si resta affascinati dalle numerose opere degli artisti di strada che scelgono proprio il lungotevere come soggetto d’ispirazione. Ormai da diversi anni, in estate, si organizzano lungo il Tevere programmi di cultura e intrattenimento. Si ha come l’impressione di attraversare una galleria d’arte a cielo aperto passando dalla letteratura […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: RIONE GARBATELLA

La storia narra che il rione fu fondato negli anni venti sui colli che dominano la basilica Papale di San Paolo fuori le mura e che gran parte delle strade e delle piazze portano il nome di persone del mondo navale. Garbatella nasce nel 1918 come borgata e sebbene oggi sia molto ambita è stata a lungo sottovalutata. Voglio raccontare alcuni miei momenti in quella zona di Roma: abito poco distante da questo luogo assai caratteristico e spesso esco per passeggiare in tranquillità e scoprire angoli nascosti, certi vicoli o case pittoresche. Attraversando a piedi il rione ho avuto modo di scorgere edifici e centri culturalmente rilevanti come il Teatro Ambra e il Teatro Palladium oltre a tanti scorci dalla bellezza ineguagliabile e inimitabile. A colpire la mia attenzione la particolare e forse unica combinazione di stili: l’aspetto popolare e rurale che il rione ha mantenuto si mescola bene con tratti tipici del barocco romano tanto da rendere quel labirinto di strade tanto singolare e affascinante. Mi piace trascorrere i pomeriggi a Garbatella, mi piace scattare foto per catturare dettagli sempre nuovi e sorprendenti. Mi capita spesso, o forse sempre, di perdermi per i vialetti: sembrano tutti così simili, così […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: A SPASSO PER LA NOMENTANA

Così uscii di casa e presa la metro sino a Piazza Bologna, mi affrettai a cercare l’autobus che mi avrebbe lasciato a Piazza Sempione. Avevo in programma di passeggiare in tranquillità sino all’altro capo della strada per scoprire angoli nuovi di quella zona di Roma che continuava ad incuriosirmi. Era la prima volta che  mi affacciavo nel quartiere Monte Sacro e camminavo senza sapere bene quale direzione prendere; mi piaceva osservare tutto ciò che si muoveva attorno a me, mi piaceva ascoltare quà e là frammenti di discorsi della gente che mi passava accanto, scrutare con curiosità le macchine in corsa. Mi stavo perdendo nei miei pensieri e mi stavo altresì perdendo in quel gomitolo di strade. Giunta in Piazza Sempione, concepita e costruita in stile medioevale, notai la Chiesa dei Santi Angeli Custodi. Scoprii allora che la Chiesa era stata realizzata tra il 1924 e il 1925 e presentava forme monumentali classicheggianti con la cupola e ricche decorazioni all’interno. Quella prima tappa nel quartiere Monte Sacro mi aveva entusiasmato. Faceva molto caldo quella mattina, così mi misi alla ricerca di un bar e…“eccone uno in lontananza, fantastico!” Ordinai una granita al caffè, scambiai un paio di battute con la gentile cameriera […]

Comments: 0
RACCONTANDO ROMA: COPPEDE’

Roma non è solo un caotico gomitolo di strade, non è solo chiasso e frenesia, Roma è anche un’ oasi di pace, una meravigliosa e quotidiana scoperta oltre che una galleria a cielo aperto. Progettato dall’architetto Gino Coppedè e costruito tra il 1913 e il 1927, il quartiere si apre con un maestoso arco che congiunge i palazzi degli Ambasciatori. L’arco, sormontato da due torri, è un trampolino: una volta varcato si ha come l’impressione di essersi tuffati in un oceano infinito di storia. Io ho nuotato in quelle acque approdando su un’ isola felice di pace dove il tempo sembra fermarsi. Con aria sognante e col naso all’insù ho ammirato quelle costruzioni dallo stile gotico e barocco, quelle decorazioni dal gusto retrò, ho esplorato una realtà surreale, lontana dal frastuono e dalla confusione. Passeggiando per quelle strade intrise di magia ho raggiunto Piazza Mincio, il cuore del quartiere, al centro della quale si scorge imponente la Fontana delle Rane; non lontano la Palazzina del Ragno, dal colore giallo ocra, di ispirazione assiro-babilonese e sulla cui facciata è rappresentato un enorme aracnide. A catturare la mia attenzione una fiabesca costruzione: il Villino delle Fate, un esempio di commistione di stili, con […]

Comments: 0